Le Regole di Viaggio Covid in Italia Cambiano a Partire dal 1 Marzo 2022

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha annunciato martedì le nuove regole di viaggio in Italia. La nuova normativa consente a chi arriva in Italia da Paesi extra europei di seguire le stesse regole già previste per chi arriva da altri Paesi europei.


Ecco cosa sappiamo finora sulle norme Covid-19 per gli arrivi non UE dal 1 marzo in poi.


Quali sono le nuove regole di viaggio in Italia che saranno in vigore dal 1 Marzo?

  • L'Italia non richiederà più ai viaggiatori di isolarsi dopo essere entrati nel Paese a partire dal 1 marzo, ha dichiarato martedì il ministro della Salute Roberto Speranza.

  • Gli arrivi in Italia non dovranno esibire né prova di vaccinazione né guarigione da Covid-19 e risultato negativo del test Covid.

  • Il divieto di viaggio sarà rimosso anche per i viaggiatori della "lista E", il che significa che potranno entrare in Italia anche per motivi di viaggio non essenziali se sono stati vaccinati o se sono guariti dal Covid-19

  • I requisiti per i test pre-ingresso rimarranno necessari per i turisti non vaccinati e per coloro che hanno ricevuto vaccini non riconosciuti dall'Agenzia europea per i medicinali (EMA), come lo Sputnik

Speranza ha scritto sul suo account Twitter ufficiale:


“Dal 1 marzo, per le persone provenienti da tutti i Paesi extra europei, saranno in vigore le stesse regole già previste per i Paesi europei” e “Per l'ingresso in Italia sarà sufficiente una delle condizioni del Green Pass: la vaccinazione certificato, certificato di recupero o risultato negativo del test."


Ciò significa che i viaggiatori provenienti dai paesi "lista-E" potranno entrare in Italia senza essere soggetti a regole di ingresso aggiuntive, purché in possesso di un certificato di vaccinazione o di guarigione o di un risultato negativo del test Covid-19.


L'annuncio di Speranza è arrivato poco dopo una raccomandazione di martedì dal consiglio dell'UE, composto dagli Stati membri. Hanno annunciato che tutti i paesi "dovrebbero revocare le restrizioni temporanee ai viaggi non essenziali verso l'UE per le persone vaccinate con un vaccino approvato dall'UE o dall'OMS, a condizione che abbiano ricevuto l'ultima dose del ciclo di vaccinazione primaria almeno 14 giorni fa e non più". di 270 giorni prima dell'arrivo, o hanno ricevuto una dose di richiamo.


Rimane in vigore un sistema di Green Pass a due livelli (una versione "base" del Green Pass e un "Super Green Pass") e l'Italia continua a utilizzare il suo pass verde nazionale. Il Super Green Pass è una versione "rinforzata" del certificato Green Pass, che dimostra che il titolare è stato vaccinato contro il Covid-19, è guarito dal virus negli ultimi sei mesi o è risultato negativo al test negli ultimi due giorni.


In Italia, al momento, è necessaria la prova della vaccinazione o della guarigione (risultato non negativo del test) per accedere a tutto, dagli hotel ai ristoranti ai trasporti pubblici a norma almeno fino al 31 marzo.


Gli arrivi da qualsiasi altro Stato membro europeo possono esibire la versione del proprio Paese del pass verde, o tessera sanitaria – che può essere riconosciuta dall'Italia – per accedere a tutte le sedi dove è richiesto.


L'annuncio di martedì è l'ultimo di una serie di restrizioni da allentare in Italia, dall'uso delle mascherine all'aperto a un sistema di quarantena ridotto per le scuole, nel mezzo di una situazione covid in miglioramento.


Questi cambiamenti arrivano mentre il settore turistico italiano si prepara alle festività pasquali, con una progressiva "riapertura" del Paese promessa di recente dal premier italiano Mario Draghi.


Altre restrizioni di viaggio per gli arrivi saranno riviste dal ministero della Salute italiano entro il 15 marzo.






7 visualizzazioni